Vai al contenuto

A sorpresa

Personalmente, e cioè dimenticando per un momento tutto quello che sta succedendo a livello nazionale e internazionale, SONO MOLTO CONTENTA.
Le copie del mio libro continuano a essere prenotate, e ormai mancano solo 37 copie anche al secondo goal, quello di un ufficio stampa, per quando il libro arriverà in libreria, un po’ più dedicato…
E poi il primo orto in vita mia è una sincera EMOZIONE!
Occorre sperare, sempre, perché è incredibile come alcuni desideri, anche nascosti e apparentemente irrealizzabili, possano trovare la loro strada per essere realizzati!
Certo, oltre che sperare occorre mettersi a scrivere e contattare agenzie immobiliari… ma questa è un’altra storia! 😉
 
https://bookabook.it/libri/passeggiata-nella-notte/comment-page-1/#comment-1095501

Un altro commento al mio racconto “Assedio”

bello, bello, bello……come sempre ci porti in un mondo fantastico che rispecchia in tutto la realtà nella quale siamo drammaticamente e inconsapevolmente scivolati…la tua scrittura, sempre limpida ed al contempo onirica, porta sempre occasione di riflessione;
chissà se per questa nostra umanità anestetizzata ed inerme potrà arrivare ancora una un nautilus salvatore…

Qui il link al racconto

Un commento sul mio racconto “Assedio”

👏👏 Coinvolgente fin da subito, bel finale che chiude il cerchio…no, la spirale 😉 i due passaggi che mi porto dietro: “se mai si può dire di una guerra che abbia avuto un inizio e non semplicemente un precipitare di cause perlopiù segrete, formalizzate a favore dell’opinione pubblica in un inizio inventato.” – “A cosa serve essere artisti se non si può salvare il proprio popolo?”

Assedio su Micorrize, oggi

Oggi esce questo mio racconto su Micorrize. Parla di B. Palissy, un artista citato anche da Bachelard che mi ha affascinato. Ma parla anche del nostro assedio ormai quotidiano. Buona lettura.

Assedio

Altro Dio

Le montagne si illuminano. Le ombre scorrono. Fuori si appresta la primavera con tutti i suoi rituali indipendenti dall’essere umano. La viziosità dell’essere umano è in quel manipolare continuo, tutto, tutti. Dio è la possibilità del caso, della casualità, del fato, di tutto quello che volete, eccetto della manipolazione umana. Il pensiero purificato di Dio, certo, non il Dio storico o religioso, ulteriore raffinatissima manipolazione per coprire lo scandalo di fondo: che ci sia qualcosa al di fuori dell’uomo, non solo completamente “altro”, ma completamente superiore, perché ipotizzabile superiore… una falla nel sistema, un buco nella parete e un anello mancante nella catena. In questo è rivoluzionario il pensiero di Dio ed è stato misconosciuto, coperto, frainteso, mistificato ecc ecc.

Avere bisogno di un Dio non umano come si ha bisogno dell’aria. Come si sfugge a una violenza e manipolazione domestica. Aver bisogno di ALTRO. Della possibilità al di fuori del pensiero umano, che è sempre, o quasi sempre (tranne nell’arte vera), manipolatorio e violento.

Romanzo storico

“Maggiormente colpevoli non furono i governanti, ma le popolazioni che non si opposero né tentarono di acquistare consapevolezza di quanto stava accadendo o, prendendo consapevolezza, si lasciavano andare all’inerzia disfattista e a un’isterica chiusura nel proprio bozzolo, trascinando con sé tutta la nazione…”

Consapevolezze

La colpa è di chi ha accettato tutto senza fiatare, senza analizzare, senza indagare, anzi strillando istericamente se qualcun altro osava farlo. La colpa, enorme, è di chi per vigliaccheria ha sostenuto un altruismo retorico, un’obbedienza terroristica, un’insensibilità patologica verso gli altri. La colpa è di chi ha gridato “tutti fermi!” solo perché aveva paura per sé, e per sé solo.