Vai al contenuto

Convenzionalità e finzione

Scritto da:

mokanautilus

Non rientrava nella convenzionalità della tragedia greca (nelle sue possibilità tecniche e nei suoi limiti di immedesimazione rituale del pubblico) l’azione violenta. Per questo sarebbe stata percepita come eccessiva finzione, finzione oscena, quindi vi si alludeva soltanto, e la si rimandava a un accadimento fuori scena.

Articolo precedente

Il non-umano in Flaubert

Articolo successivo

Sotto le finestre

Unisciti alla discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *