Attendere

…o attendere, ti componi d’attesa attendi
senza fondo deraglia lo spalanchìo del verrà
ci sarà farà, questo futuro che s’ingorga
dentro gola umana mischiato a gorgoglii
tutto un vorticare rumoroso di mancanze assenze vuoti
da riempire
o attendere
(la pancia vuole!)
che smuore il vuoto lo sai il non più il non ancora
il forse che ti mette a cuccia, abbaia cane! al passare
che forse il forse sarà e tu
ebete saggio peloso faggio eterno miraggio
flagelli l’azzurro di spostamenti
tessere, incastri di tempi, immaginazioni
farneticazioni e oni e oni e oni ed eoni
e aspetta, un po’ di pazienza, senza lenza lenza lenza
nessun pesce e l’acqua scorre orre orre
e attendere qui con pastelli ai cancelli attendere
nel disegnetto del futuro, dentro lo scarabocchio occhio occhio
tu attendi attendi attendi (che prendi, intanto?)
un dì un dì un dì.

Lascia un commento