Il compito attuale dell’arte è di introdurre il caos nell’ordine – Adorno

«Il compito attuale dell’arte è di introdurre il caos nell’ordine»

Theodor Adorno, Teoria estetica, Einaudi 2009

“L’ultimo libro, postumo, di Adorno è senz’altro l’opera più concettualmente aspra del filosofo francofortese. L’asprezza deriva dal compito che l’autore si è visto assegnare dal proprio oggetto: pensare l’opera d’arte dall’interno spingendola al concetto pur sapendo che essa è qualcosa di altro dal concetto. Pensarla senza cedere alle facili sirene dell’empatia e del vissuto; non in un’astratta essenza, bensì nella complessa fenomenicità delle sue manifestazioni storiche. Pensare l’opera d’arte, dunque, nella sua appartenenza al mondo delle merci, ma fino in fondo, ossia come una mercé assoluta che nega se stessa, non facile asilo di una interiorità e di una soggettività in via di sparizione, bensì “cosa” che si rifiuta alla reificazione. Pensare il negativo che si mostra come il vero e proprio interno dell’opera d’arte contemporanea, senza consegnarlo ad un’ontologia edificante, ma cogliendovi piuttosto l’attestazione oggettiva che il circolo dell’effettualità non è perfetto e chiuso in se stesso.”

Theodor Adorno, Note per la letteratura, Einaudi 2012

”Nelle Note per la letteratura” Adorno raccolse scritti spesso di origine occasionale, ma in cui è sempre insita la forma del saggio cosi come è magistralmente definita nel testo che apre il volume. Il saggio è la forma prediletta da Adorno, accanto all’aforisma, poiché rientra nel pensiero asistematico, che non sussume il particolare alla totalità, ma lo spreme in quanto frammento, la realtà stessa essendo frammentaria e trovando “la propria unità attraverso le fratture, non attraverso il loro appianamento”, sicché il saggio “deve far risplendere la totalità senza peraltro asserirne la presenza”. E molte di queste “note” sono veri e propri saggi da allineare ai più famosi dell’autore. Accanto a contributi teorici fondamentali come “La posizione del narratore” nel romanzo contemporaneo o quello sull’”Impegno”, in cui Adorno motiva in polemica con Sartre e con Brecht il rifiuto di questa abusata categoria, si troveranno qui analisi impreviste e quanto mai illuminanti della poesia di Hölderlin, Heine e George, di Balzac, Proust e Valéry, della scena finale del “Faust” e di “Finale di partita” di Beckett. Per questa nuova edizione, Sergio Givone ha selezionato i saggi letterari più rappresentativi di “Note per la letteratura”, oltre a ripescare il fondamentale saggio su Kafka, originariamente in “Prismi”.”

Mario Farina, La dissoluzione dell’estetico. Adorno e la teoria letteraria dell’arte, Quodlibet 2018

“Da sempre considerata come l’estremo tentativo di costruire una teoria classica dell’opera d’arte, l’estetica di Adorno ha subito nell’ultimo trentennio una decisa marginalizzazione. La sua concezione del prodotto artistico come enigma irrisolvibile, la sua idea dell’opera come speranza di fronte all’oppressione sociale, possono oggi sembrare, in effetti, residui di un’epoca ormai tramontata. Del resto, i fenomeni artistici più recenti – il pastiche di stili, il citazionismo esasperato, lo sfrangiamento dei confini fra i generi, la contaminazione tra le pratiche – sembrano sfuggire all’austerità con cui Adorno determinava la funzione dell’opera d’arte. Seguendo un percorso che attraversa i principali nodi costituitivi dell’estetica di Adorno, Farina intende invece dimostrare come la liquidazione della filosofia adorniana dell’arte sia stata eccessivamente frettolosa. Attraverso una critica serrata dei fenomeni artistici, una critica che non dà per scontato nulla di ciò che il pubblico e le istituzioni definiscono come «arte», Adorno incrocia infatti alcune delle argomentazioni chiave delle teorie estetiche del tardo Novecento, e in particolare quelle che in ambito analitico hanno decretato la fine storica delle arti e la nascita di un’arte post-storica, individuandovi una dinamica che conduce alla dissoluzione dell’estetico. A differenza delle teorie postmoderne, però, Adorno intende opporsi a tale dissoluzione. Questo libro vuole appunto illustrare in che modo la teoria di Adorno, anziché liquidare l’arte come morta, permetta una riformulazione del principio estetico – attraverso l’estetica come teoria letteraria dell’arte.”

La teoria estetica di Adorno. L’arte e la vita

Alessandro Alfieri, “I paradossi dell’arte nella Teoria estetica di Theodor W. Adorno”


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *