Nessuna discendenza qui si chiude

nessuna discendenza qui si chiude
chissà quando mai appartenemmo a una radice
e cosa poi fu del fusto e della chioma
e quali semi e quali giorni e quali istanti
nel fulgore di una vampa il presente
conservò in altro luogo.
Tutto già si semplifica, s’illividisce nel bronzo e nel piombo
della memoria, dentro le immagini chiuse
dentro una testa dentro un imperfetto ricordo
il presente era nell’aria sottile del presente in nessun altro
luogo
tutto il resto è immaginazione
lavorio di ricostruzione.

27/10/2021
Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *