Attendere

…o attendere, ti componi d’attesa attendi senza fondo deraglia lo spalanchìo del verrà ci sarà farà, questo futuro che s’ingorga dentro gola umana mischiato a gorgoglii tutto un vorticare rumoroso di mancanze assenze vuoti da riempire o attendere (la pancia vuole!) che smuore il vuoto lo sai il …

LeggiAttendere

Vegetazione

A voi mi rivolgo che niente siete che sete nutrite di luce e di acqua, che ambite a nutrimenti terrestri ma non sillabate cristalli di volontà allungando le dita sulla schiena del tempo tamburellando la noia che rugge, l’altra mano protesa a spezzare l’infanzia e le antenne e …

LeggiVegetazione

Convenzionalità e finzione

Non rientrava nella convenzionalità della tragedia greca (nelle sue possibilità tecniche e nei suoi limiti di immedesimazione rituale del pubblico) l’azione violenta. Per questo sarebbe stata percepita come eccessiva finzione, finzione oscena, quindi vi si alludeva soltanto, e la si rimandava a un accadimento fuori scena.

Il non-umano in Flaubert

In “L’educazione sentimentale” più che in “Madame Bovary” la modernità assoluta di Flaubert si rivela nello scegliere come vero protagonista lo sfondo e non i personaggi. Il lento fiume tranquillo della natura tutta, come mondo altro e prioritario rispetto alle vicende umane, è il vero protagonista nobile, di …

LeggiIl non-umano in Flaubert